Stu Nicholls | CSSplay | Professional series #1
 
 
 
 
 
 
 

 

    Produzione di spettacoli > Il teatro dei piedi > A piede libero

A piede libero

Lo Spettacolo

Questo nuovo spettacolo, presentato con successo al Festival di Charleville-Mezieres 2011, è ricco di citazioni di culture diverse, di paesi anche molto lontani. Segno che la lunga tournè del Teatro dei Piedi in tutto il mondo, non solo ha portato lo “charme” del Made in Italy, ma ha anche raccolto idee e spunti, trasformandoli in stimoli di divertimento e riflessione. Si ritrovano i temi sociali importanti (femminismo, pace, rispetto del diverso,ecologia) contaminati da sapori e colori esotici. Che cosa ci salverà da ingiustizia, stupidità umana, avidità? A questa preoccupazione globale, Laura Kibel risponde con l’Arte, quella che passa dal cuore. A dispetto delle apparenze, è questo il muscolo indispensabile per fare il teatro con i piedi. Il teatro dei piedi, a metà strada tra il mimo e i burattini, è stato valorizzato e reinventato dall'artista veronese Laura Kibel che ne ha sviluppato le tecniche e i contenuti. Lo spettatore davanti ai suoi occhi vede l'artista trasformare parti del suo corpo, come le piante dei piedi, le ginocchia, le gambe, in facce vive ed espressive, in buffe teste pelate, in burattini viventi, che amano, soffrono, lottano, divertono. Questo originale teatro visuale, si avvale del sostegno di musiche di grande suggestione e impatto, capaci di sostituire la parola. La varietà dei suoni, dei temi e degli effetti sonori, contribuisce alla ricchezza dello spettacolo. Valigie antiche dipinte con temi fantasiosi o citazioni di pittori famosi come Botero, Magritte, Dalì, Munch, ecc. formano la scenografia dello spettacolo. Ogni valigia racchiude una storia: man mano che vengono aperte mostrano costumi, nasi, parrucche e accessori che vanno a creare su piedi e gambe dell'artista i vari personaggi. Laura dipinge le sue valigie e crea ogni elemento della scena poiché la sua formazione viene dall'arte, dalla sartoria, coniugate alla grande manualità e inventiva.

Esigenze tecniche

• Durata: 60 minuti • La compagnia è autonoma per fonica e luci; è dotata di un palchetto con ingombro scenico di 200 x 200 cm, alto 140 cm da terra. • E’ preferibile che l’organizzatore provveda ad una pedana 300 x 300 cm sul quale collocare il palchetto; nel caso non ci sia la possibilità, il palchetto verrà posizionato a terra • Si richiede: allaccio elettrico a norma, Kw. 3; di raggiungere lo spazio spettacolo con un furgone per il carico e scarico dei materiali; laddove possibile, un parcheggio riservato.

 

 

 
 

 

Terzostudio Progetti per lo spettacolo

 alice@terzostudio.it   tel. 0571 485078 

 

 

 

Paginazione dei risultati di query molto lunghe in ASP

  Terzostudio srl Progetti per lo spettacolo - Via della gioventù, 3 - 56024 Ponte a Egola (PI) - P.I. 01945720504